E IO ASSUMERÒ SOLO DISOCCUPATI

di Teresa Scorza

Ce la vedete una bocconiana laureata in Amministrazione e controllo lanciare un negozio per famiglie in difficoltà e assumere disoccupati? Ce la vedete dire no a una proposta di assunzione in una grande azienda pur di fare ciò che la appassiona? Se avete risposto no a entrambe le domande, forse non conoscete i bocconiani. O, quantomeno, Teresa Scorza, 29 anni, combattiva e idealista che racconta: «In azienda non vedevo l’utilità del mio lavoro. Ho sempre fatto parte di associazioni e quello che ho sempre amato di più è stato essere utile agli altri».

La cooperativa a km zero
Da queste premesse nasce la cooperativa Namastè, fondata con la socia psicologa Anna Bolognese (30 anni) che spiega: «Il progetto si chiama Zeropercento ed è quello di un negozio con prodotti a Km 0, alimentari e non, di cooperative sociali locali. Cerchiamo ancora il locale, a Milano. Per una superficie di 100 mq, contiamo di assumere quattro disoccupati da almeno sei mesi, con l’obiettivo non solo di dar loro un impiego, ma anche di formarli e rilanciarli nel mondo del lavoro. Con parte dei margini, contiamo di garantire prodotti, gratis o scontati, a famiglie bisognose. Il capitale necessario per partire è di 40mila euro, per: caparra affitto, arredamento, attrezzature, prima fornitura merce, assunzione del personale. Ci stiamo muovendo su più fronti dai bandi regionali al crowdfunding, sulla piattaforma Produzioni dal basso».

https://www.millionaire.it/e-io-assumero-solo-disoccupati/