×
OPEN

Il limone: il frutto preferito di Nerone

Il limone (citrus limon) era il frutto preferito di Nerone, che vivendo nel terrore di essere avvelenato, beveva succo di limone in abbondanza

Il limone, pianta della famiglia delle Rutacee, originaria della Cina e dell'India, è l'agrume che è stato impiegato di più nel corso del tempo, per scopi terapeutici, grazie ai suoi frutti ricchi di proprietà benefiche.

 

Il limone è ricco di vitamina C, preziosa per il rafforzamento del sistema immunitario e antistaminico naturale. Fra tutti gli agrumi è il più ricco di vitamina che resta stabile per settimane dalla raccolta, ben protetta della scorza.

Il succo di limone è indicato nei casi di affaticamento, stress, alimentazione non regolare e per combattere le infezioni. Contiene vitamine del gruppo B, calcio, potassio e fosforo ed è pieno di flavonoidi

Inoltre, idrata e rende luminosa la pelle, riduce le macchie, rughe e foruncoli sia se viene bevuto sia se viene usato, diluito in acqua, per pulire viso, mani e collo.

Attenzione però che la vitamina C, estremamente volatile, evapora facilmente: perciò quando si taglia il limone, bisogna spremerlo e consumarlo subito.

I nostri limoni hanno la buccia edibile e provengono da agricoltura bio: puoi quindi tranquillamente usare anche la buccia del limone per tutte le tue ricette. Infine hanno un valore in più perchè provengono da Rosarno e in particolare da una associazione SOS Rosarno che lavora contro ogni sfruttamento e caporalato

La Calabria e Rosarno, sono segnate in particolar modo dai “fatti di Rosarno” del 2010, quando un gruppo di lavoratori sfruttati si è ribellato collettivamente alle condizioni di vita e di lavoro nella piana. Proprio in seguito a quell’episodio è nata SOS Rosarno, un’associazione che ha messo in rete alcune aziende del territorio convinte che potesse esistere un’alternativa allo sfruttamento. “Si è scoperto che esisteva una realtà di piccoli produttori che, tra mille fatiche, riusciva a fare qualcosa di completamente diverso, organizzando il lavoro in maniera tale da rispettare i lavoratori.”

In questi anni, l’associazione è cresciuta molto, coinvolgendo piccoli produttori, attivisti e braccianti, e dal 2015 esiste anche una cooperativa sociale chiamata Mani a Terra che gestisce in toto la campagna SOS Rosarno: “siamo diventati datori di lavoro di noi stessi, una tappa fondamentale per poter arrivare il prima possibile a superare la soglia di retribuzione prevista per legge.”

Acquista qui i nostri limoni di Rosarno

 

 

Lascia un commento